lunedì 24 febbraio 2014

Il decalogo della Donna-Gatta-Morta

Nonostante sia vero che la pillola per la felicità non esiste, e che nella vita ci vuole un po' di culo per non incombere nell'Uomo Merda, e a volte, dico, non basta nemmeno quello... nulla può l'uomo per evitare l'incontro, almeno una volta nella vita, con la donna più temuta di tutte: La Gatta Morta.

Stiamo parlando di una donna, dai 20 ai 28 anni, single.

Bellissima. 

Pochi dettagli peculiari sono stati riscontrati, meglio chiarificatori di una categoria che, nonostante l'era di facebook incombente, stenta a tramontare e quando lo fa... come il sole in un giorno di piena estate... alle ore 5.00 viene a bussarti alla finestra e ti fa solo avere il tempo di sperare che la giornata sia meno soffocante... - ma non lo sarà.

Ancora richiamano la mia presenza e il mio verbo per stanare e sconfiggere questa piaga tutta femminile, che si insinua nelle nostre case e nelle nostre cose, provocando invidia e disgusto, rabbia e frustrazione.

E quindi, ecco a voi...

IL DECALOGO DELLA DONNA-GATTA-MORTA

La 1° fase della Donna Gatta Morta  è la seduzione: sa di piacerti, ma non le basta. Vuole che tu lo ammetta, prima a te stesso. E forse che tu lo ammetta a te stesso è l'unica cosa che lei realmente vuole: insinuarsi nella tua mente ad un alto livello viscerale, lì, dritto nel midollo osseo, che fa di tutto un fremito, acqua per un germoglio che non accudirà. NON C'E' MODO DI RESPINGERE LA DONNA GATTA MORTA IN QUESTA FASE, perchè è quell'essere un po' evanescente, una creatura tra il corporeo e l'angelico, che quasi hai paura di toccare... ma eccome se la toccheresti... eccome.

La 2° fase della Donna Gatta Morta è l'avvicinamento: ti avvicina in sordina, il più delle volte senza dire niente, senza fare niente, se non un passo verso di te. A questo punto tu senti il suo profumo addosso e inizi a desiderarla al punto di sentirla un po' già tua. Le metti qualche like su Istagram e qualcuno persino su facebook, ti approcci con un messaggio privato molto banale, a cui lei non risponderà. Ma la giustifichi col troppo lavoro, i troppi impegni, la troppa sbadataggine. NON C'E' MODO DI RESPINGERE LA DONNA GATTA MORTA IN QUESTA FASE, respingere da cosa? Siete solo amici.

La 3° fase della Donna Gatta Morta è il consolidamento: ti piace, lo sa. Ma adesso devi ammetterlo anche a lei. Come una massaia sta impastandoti insieme alla mollica di pane, risponde con qualche banalità e molti sorrisi ai tuoi messaggi, ed è qui che troviamo il primo campanello d'allarme: ti fa capire che la sua bellezza l'ha sempre ostacolata oppure addirittura che lei si vede con mille difetti. Nei casi più eclatanti, ti fa credere che si vede brutta, che si sente sola, che nessuno la capisce. SAREBBE QUESTO IL MOMENTO DI DARTELA A GAMBE. Ma non lo fai.

La 4° fase della Donna Gatta Morta si chiama "Cestino di Bava": ti piace, lo sa. Lo hai ammesso. Ma adesso devi sbavare. Non le importa se tu ti senti innamorato (cosa talvolta essa stessa un problema), attratto o solo arrapato, devi sbavare. Alla 4° fase l'uomo medio NON PUO' E NON VUOLE RESPINGERE LA DONNA GATTA MORTA, perchè, povero cucciolo, ne sente distintamente l'odore e non ce la fa. Non ho detto che vorrebbe, ma non ce la fa. Ho detto che non ce la fa.

La 5° fase della Donna Gatta Morta è la negazione: dopo il "Cestino di Bava" perde completamente l'interesse in te. E' come averti lasciato di notte in un vicolo con gli occhi bendati e le braghe calate: tu sei lì che aspetti che qualcosa possa ancora succedere, ma non lo farà. In realtà lei è già 1000 miglia lontana ed è troppo pudica per voltarsi indietro e godere della scena improvvisata. In questa fase, inizi a sentire un effetto nevrotico ed imbarazzato, e anche se pensi che se ne sia andata per i troppi impegni (o il troppo lavoro), tiri su le braghe e ti avvii verso casa con le mani nelle tasche.

Nella 6° fase della Donna Gatta Morta, sebbene sia facile crederlo, pochissimi uomini ce l'hanno fatta. Si ha notizia di un uomo che in questa fase è partito per l'estero (Etiopia, dicono), ma di cui poi si sono perse le tracce. Si narra che un secondo uomo abbia pronunciato le sillabe "MA-VA-FA", ma che subito dopo si sia grattato il capo e si sia rinchiuso in una confraternita di frati eremiti a sud del Congo. Tutti gli altri, in questa critica fase dell'attesa... attendono.

La 7° fase della Donna Gatta Morta è la seduzione: di nuovo la Donna Gatta Morta si avvicina, spesso con la scusa di una qualche tragedia personale, che nella tua mente giustifica la fase 5 ed è proprio qui... CHE L'UOMO FA L'ERRORE DI FARSI TROVARE, fazzoletti e gelato, pronto ad abbracciarla, ignaro del push-up nuovo di pacca da lei acquistato per bussare dritto al tuo cuore attraverso il petto contro cui la stringi. NON C'E' MODO DI RESPINGERE LA DONNA GATTA MORTA IN QUESTA FASE: perchè più impensabile che fartela, restano pur sempre tutte le più svariate tipologie di UFO. E in un batter d'occhio, sei nella fase uno, pronto per ricominciare da capo. Ma... c'è un ma.

La fase 8 della Donna Gatta Morta è quella dello "squash": come una pallina impazzita la Donna Gatta Morta ti colpirà e farà rimbalzare a seconda della sua capacità e astuzia e tu starai al gioco, gratificato nel vedere il suo gonnellino da tennista, più corto che mai, sobbalzare ad ogni colpo. Un colpo di qua e uno di là, in alcune occasioni l'uomo dichiara di volerne uscire e qualcuno addirittura ci prova. Non abbiamo testimonianze o prove tangibili che ciò si sia verificato davvero e quel gonnellino corto, perdio... boing, boing, gonnellino, boing, corto, corto gonnellino, boing, boing, boing...

La 9° fase della Donna Gatta Morta è il mantenimento: questo continuo appagamento che le dai, non la stancherà mai. Le basta farti credere che te la darà, ma lascia che ti dica una cosa. Se sei alla 9° fase, stai pur certo che non te la darà mai, sta a te decidere nel continuare una relazione one-way out-going. In questa fase la totalità degli uomini si spacca in due: una parte, dichiara di essere innamorato. L'altra parte lo pensa, ma non lo dichiara: FONDAMENTALE IN QUESTA FASE E' ESSERE NELLA SECONDA PARTE. Anche se, forse, sono già arrivata tardi.

La 10° fase della Donna Gatta Morta è l'adattamento: si adatterà ad ogni tua reazione. Rabbia = indifferenza. Sofferenza = indifferenza. Amore = indifferenza. Malessere = indifferenza. Insofferenza = indifferenza. Insistenza = indifferenza. Amicizia = indifferenza.Confusione = indifferenza. 

Hai solo una carta da giocare...

L'indifferenza.

Quindi, dammi la mano. Coraggio. Tira fuori la testa da quel gonnellino. Basta un pizzico di Donna Gatta Morta in te, per estinguerle per sempre...




3 commenti:

  1. si ma la voglio,come posso fare?....sono alla fase 7 :D

    RispondiElimina
  2. Grazie, post esaustivo e ben scritto. Credo di essermi avventurato in una persona simile anche se non rispecchia tutti i "fattori"... ma la natura sembra essere quella. Fortunatamente ho adottato la strategia dell'indifferenza come tu indichi ancor prima di averti letto, e questo mi fa tirare un sospiro di sollievo. La faccenda è ancora fresca quindi ammetto che spesso ci penso ma sparire dalla sua vita mi è sembrata la cosa più razionale che potessi fare. Grazie ancora per l'identificazione di questa "bestia" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao GP, mi ero persa questo messaggio. Come procede? :) Mi raccomando, all'erta ;)

      Elimina